Lavoro all’estero? Ti aiutiamo noi!

Un’agenzia di lavoro che aiuta gli italiani che vogliono cercare un impiego all’estero.

Si chiama Talent Island ed è un’azienda che si trova a Imola. Lanciata a fine febbraio, ha dato lavoro a 14 persone, offre posizioni in Germania, Olanda, Inghilterra, Hong Kong, Giappone, Emirati Arabi, Canada, Stati Uniti… E ha raccolto oltre 500 candidature.

Per saperne di più, abbiamo intervistato l’amministratore Stefano Carpigiani, 33 enne, esperto di recruiting internazionale.

Perché l’idea di quest’agenzia?

Nasce per riempire un vuoto. Ci eravamo resi conto che non esisteva un’agenzia nazionale che faceva questo tipo di intermediazione, tra italiani in cerca di occupazione e aziende italiane e straniere all’estero. Allora c’erano solo realtà internazionali che operano con logiche relative al loro Paese di appartenenza. Per questo abbiamo aperto una realtà italiana per aiutare i tanti connazionali che vogliono emigrare per desiderio o necessità».

Come funziona Talent Island?

Da una parte, abbiamo dei collaboratori che ci segnalano le posizioni disponibili. Poi c’è il lavoro interno, contattiamo le aziende all’estero e “offriamo” i nostri talenti. Per i più talentuosi, diventiamo una sorta di manager. Le aziende (sono 70 oggi quelle con cui collaboriamo) ci riconoscono una percentuale annuale sugli inserimenti. Il servizio è gratuito per i candidati».

 

_SOL4337

Come ci si candida?

Il candidato va sul sito e inserisce il suo cv (in inglese). Noi ci occupiamo di correggerlo se ci sono eventuali errori o adattarlo all’offerta e al Paese dove c’è l’offerta. Comunichiamo le offerte sul sito o sui nostri social. Non ci abbiamo limiti di età o di tipologia di lavoro. Il requisito essenziale è la conoscenza di una seconda lingua».

Quali sono i profili più richiesti?

Tecnici delle telecomunicazione, programmatori, medici, infermieri… C’è molta richiesta nel campo medicale. Oltre a queste ci sono anche richieste per giornalisti, scrittori, ricercatori. Qui l’ostacolo è la lingua: per un inserimento la conoscenza della lingua del Paese deve essere ottimale».

Cosa consigli a chi decide di lavorare all’estero?

Innanzitutto di rispondere onestamente a tre domande fondamentali: cosa sto cercando? Dove voglio andare? E qual è il mio obiettivo finale (qui bisogna avere i piedi per terra, le ambizioni devono essere concrete e raggiungibili)? Una persona che va all’estero senza avere dato una risposta chiara a questi interrogativi è destinata all’insuccesso. Poi bisogna anche ragionare sui sacrifici che si è disposti a fare per raggiungere dei risultati: spesso ci sono persone che trovano lavoro in posti periferici, lontano dalle grandi città. Qui il rischio è di soffrire di solitudine, di non inserirsi. Ed è solo un esempio degli ostacoli che possono incontrarsi. Prima di partire serve ragionare. Non tutti sono pronti».

INFO: http://www.t-island.eu/

Giancarlo Donadio

Print Friendly

 

 

 

12 Commenti

Lascia un commento →

  1. ma in base di tutto quello che ho letto serve saper parlare la lingua la dove uno vorrebbe andare….prima imparare il necessario e poi partire,,,con tranquillità.

    miceli / Rispondi
  2. Buongiorno T island, mi chiamo Guido Girau e vi scrivo per avere informazioni riguardo come iscrivermi a quest’agenzia, di lavoro estero visto e considerato che le sto provando tutte per andarmene,premetto che mi sono iscritto all’agenzia di collocamento in Germania,ho trovato centinaia di realtà del mio settore, ma tutti mi hanno posto il problema della lingua, nonostante ci siano corsi sul posto da poter seguire per imparare la lingua tedesca in modo ottimale. Il mio settore è la gioielleria,perchè sono maestro orafo,maestro d’incisione di coralli, nonchè maestro incastonatore,e sono 20 anni che faccio questo mestiere in toto e progetto anche collezioni;insomma sono poliedrico e volevo sottolineare che molte aziende vorrebbero prendermi ma mi hanno posto chi il problema della lingua, e chi del fatto che non abitassi gia in Germania,se voi potreste aiutarmi nel proporre la mia candidatura presso queste aziende,come prima preferenza Berlino,poi Monaco e altre città,ve ne sarei grato.
    In attesa di ulteriori informazioni sul come muovermi e propormi in latro modo vi auguro una buona giornata.

    guido / Rispondi
  3. Salve, desidererei avere delle informazuoni in merito al fatto se ci sono delle opportunita’ di lavoro per il venezuela, considerando che avete contatti con molte aziende ci potrebbe essere qualche azienda italiana che ha bisogno di qualche agente commerciale per la vendita del propio prodotto in venezuela.
    Sono un venditore capisco e mi faccio capire con lo spagnolo e’ me la cavo con l’ inglese.
    Mio contatto.3467289941.
    Buona giornata.

    enzo acccardi / Rispondi
  4. Potete inviarmi il numero per contattarvi? Che sono interessato a parlare con voi

    moeez / Rispondi
    • Cosa molto interessante. Io non conosco altre lingue. Pero’se ce possibilita anche cosi mi candiderei. Salutando ringrazio.

      dino / Rispondi (in risposta a moeez)
  5. Interessata a posizioni di rilievo in grandi aziende dove si fanno stage molto retribuiti.

    Grazie se potete inviarmi notizie di cosa debbo fare.

    saluti

    Patrizia Madotto / Rispondi
  6. Buongiorno,
    sono Stefano Carpigiani (T-Island)
    il nostro sito lo trovate qui: http://www.t-island.ei dove vi sono molte info richieste.
    In linea di massima chiediamo che vi sia la conoscenza di almeno una lingua ad un livello buono per poter aver speranze di essere collocati all’estero. Molto raramente si aprono opportunità per candidati che parlano soltanto italiano.
    Saluti
    Stefano

    Stefano / Rispondi
  7. […] a Stefano Carpigiani, CEO di T-Island,  da parte di Giancarlo Donadio per “Millionaire” 28 Aprile […]

  8. cerco lavoro da geometra . grazie.

    SANDRO / Rispondi
  9. avrei bisogno di potervi contattare per info su lavoro all estero per il mese di agosto a londra ragazza alla pari è possibile ?

    silvia / Rispondi
  10. Scusate il commento un pò OT, ma dalle cose che leggo mi viene da pensare che se non trovate lavoro.. fatevi due domande. Senza offesa, ma alla fine dell’articolo c’è scritto INFO con un bel link al sito, vi pare che sia logico scrivere nei commenti “Cerco lavoro come.. contattatemi.. datemi il numero”. Mi sembrate davvero sprovveduti e poco attenti, riflettete di più prima di parlare. Grazie, spero di non aver offeso nessuno.. 😛

    Marianna / Rispondi
  11. Sono un piastrellista con 15 anni di esperienza cercolavoro

    Giuseppe / Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 89 = 93